Giovedì, 01 Ottobre 2020

L'Editoriale. 80.000 per la scuola e altre chance. Niente male…

Se non ci saranno ripensamenti dell’ultima ora, la scuola ha cominciato la corsa per riempire i tanti posti scoperti e dare probabilmente il colpo definitivo al precariato. In ballo ci sono quasi 80.000 posti (per l’esattezza 77.863) per i quali sta per avviarsi la pagina dei concorsi. Il primo, straordinario, per 32.000 prof, è in calendario il 22 ottobre e punta a stabilizzare chi ha già 3 anni di servizio. Andrà avanti fino a metà novembre. Non sarà più un test a crocette ma un quiz a risposta aperta con cinque domande volte ad accertare le competenze disciplinari e didattiche, più un sesto step dedicato alla comprensione dell’inglese. Il tempo a disposizione sarà di 150 minuti. Per superare la prova occorrerà raggiungere una votazione di 7/10.

Subito dopo sarà la volta di due bandi ordinari: uno per 12.863 docenti per infanzia e primaria, l’altro per 33.000 docenti per le secondarie di primo e secondo grado. In entrambi i casi possono farsi avanti anche i neolaureati. Il via libera, con la pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”, è atteso subito dopo la conclusione del concorso dei 32.000.
Per il concorso straordinario sono arrivate 64.563 domande. I posti più numerosi riguardano la Lombardia (6.929). Al Molise la quota più bassa (121). Al Lazio ne sono stati assegnati 2.695 a fronte di 5.594 domande.

Per l’occupazione è una buona boccata d’ossigeno. Ma non c’è solo la scuola. Si è mosso anche il fronte dei grandi centri commerciali che pure parevano attraversare un momento di riflessione strategica in favore di una presenza più capillare nei quartieri.
A Roma, infatti, sta per essere inaugurato (mancano gli ultimi ritocchi) il Maximo Shopping Center, in zona Laurentina, che darà lavoro a 2.000 figure professionali, mentre il patron di Eataly, Oscar Farinetti, sta dando gli ultimi ritocchi a Torino al megastore tutto ecosostenibile Green Pea che offrirà un impiego a 500 addetti.
L’uno e l’altro non mancheranno di stupire. Il Maximo, ha detto il responsabile commerciale Massimo Teppa, sarà un luogo da vivere che supererà il semplice concetto di spesa. E Green Pea sarà un inno al rispetto della natura.

Insomma, il coronavirus – che tanti problemi ha creato alla salute e all’economia – non ha fermato la voglia di fare di quegli imprenditori che hanno idee e che sanno confrontarsi anche con le situazioni più complesse.
A dare una mano c’è anche l’industria italiana del packaging, quella che produce macchinari per l’impacchettamento di merci e prodotti, che è prima nel mondo e che fattura 8 miliardi di euro. E il ministero della Giustizia che ha aperto le porte a 1.000 giovani che hanno svolto un tirocinio o un periodo di formazione. Inoltre, Starbucks, il marchio americano del frappuccino, ha scelto piazza San Silvestro per il suo primo sbarco romano, e avrà bisogno di baristi e store manager.

Da leggere il servizio dedicato a come si scrive un curriculum. Un’operazione che sembra facile e che invece può presentare difficoltà. Tra l’altro, ci sono alcune novità che è bene tenere presente. A parlarne e a spiegare cosa fare e cosa non fare è Caterina Calderoni, consulente del lavoro, che con questo intervento comincia la collaborazione con “Lavoro Facile”.

Letto 241 volte Ultima modifica il Giovedì, 01 Ottobre 2020 18:36

Articoli correlati (da tag)