Sabato, 14 Marzo 2020

Coronavirus. Roma sposta il pagamento della Tari e annulla le rette di asili e mense

Il Comune di Roma ha annunciato misure che rinviano pagamenti e scadenze di fronte alla situazione di emergenza creata dalla diffusione del coronavirus. L’obiettivo è sostenere il tessuto economico-produttivo della città e alleggerire il peso sulle famiglie. Ecco che cosa è stato deciso dalla Giunta capitolina:
1) la scadenza della prima bolletta Tari (tassa sui rifiuti) relativa alle utenze domestiche e commerciali è spostata al prossimo 30 settembre. Lo stesso vale per il pagamento della Cosap (tassa sull’occupazione di suolo pubblico) per i mercati;
2) è annullata la retta per gli asili nido e le mense dell’infanzia per il periodo di chiusura delle scuole. Ci saranno meccanismi di rimborso-compensazione per chi ha versato le quote anticipatamente;
3) per aiutare i comparto del turismo si sta anche valutando il differimento o la sospensione del versamento della tassa di soggiorno;
4) comunque, per sostenere il comparto turistico che sta subendo un forte calo di presenze si rende necessaria l’esatta misurazione di questo impatto per calcolare i sostegni necessari, da erogare nel rispetto di un’apposita disciplina. Questa quantificazione spetterà ai Dipartimenti sviluppo economico e turismo nonché all’Ufficio di scopo per la pianificazione strategica economica e urbana. La Ragioneria generale proporrà le possibili coperture finanziarie per le misure così identificate, anche attraverso prelevamenti dal fondo di riserva o altre variazioni di bilancio aventi carattere di urgenza;
5) c’è l’impegno a verificare la possibilità di estendere ai lavoratori esclusi dall’accesso agli ammortizzatori sociali forme di sostegno al reddito quali il reddito di cittadinanza, in conseguenza della sospensione temporanea o della significativa limitazione dell’attività lavorativa.

Letto 208 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Marzo 2020 17:53

Articoli correlati (da tag)