Giovedì, 12 Settembre 2019

Il Sondaggione. Gli immigrati tolgono lavoro agli italiani? La maggioranza risponde “no”. Ma c’è chi dice: i nostri giovani sono penalizzati

Queste sono alcune delle risposte inviate dai lettori (e-mail, Sms, WhatsApp e telefono) in merito al Sondaggione: “Gli immigrati tolgono lavoro agli italiani? a) Sì, è vero; b) No, non è vero”. Attualmente, sullo stesso sito (www.lavorofacile.info) è in corso un altro Sondaggione sul tema: “Riparte l’anno: la scuola sa preparare i nostri giovani? a) Sì, è ancora all’altezza; b) No, c’è troppa confusione”. Per rispondere c'è tempo fino al 12 settembre. I risultati con i messaggi più interessanti saranno pubblicati sul numero del 27 settembre.

Questa formula di indagine, che non si basa su un campione scelto ad hoc, vuole soltanto raccogliere le opinioni di chi, comunque, sente il bisogno di partecipare al dibattito sui temi relativi al lavoro proposti dall’attualità.

Non lo so se tolgono il lavoro agli italiani. Quello che so è che il lavoro è sempre difficile trovarlo.
392.6733XXX

Se non ci fossero gli immigrati chi farebbe certi lavori che noi ormai non vogliamo più fare?
339.5328XXX

Alzino la mano quei giovani italiani che accetterebbero di raccogliere i pomodori o la frutta…
338.3126XXX

Quando eravamo noi italiani gli immigrati di turno ci facevano fare i lavori più duri. Ricordo ai più distratti e ai meno informati che a Marcinelle, in Belgio, l’8 agosto 1956 trovarono la morte 136 nostri minatori. Oggi a morire nelle nostre campagne sono spesso gli sfruttati che provengono dall’Africa.
Cesare R. - Per telefono da Roma

Davanti ai forni delle pizzerie ci sono quasi sempre stranieri. Quelli non sono posti che potrebbero occupare gli italiani?
339.6371XXX

Il fenomeno non è così diffuso come a volte si sostiene. Ma non c’è dubbio che gli immigrati tolgono posti che potrebbero essere occupati dagli italiani.
338.8644XXX

Sì, è vero.
335.5672XXX

Questa storia degli stranieri in Italia si è trasformata in una sorta di guerra tra sordi. Chi ne denuncia l’invasione e chi sostiene che si esagera per raccogliere consensi politici. Certo è che manca una rigorosa strategia dell’accoglienza.
Bruno Morelli - Per e-mail da Roma

Tra un bravo ingegnere che proviene dal Terzo Mondo e un ingegnere italiano che non sa dove mettere le mani, un’azienda chi dovrebbe prendere? Impariamo a ragionare con la realtà e lasciamo da parte la propaganda.
Cristiano Terzi - Per e-mail da Roma

Ho letto che alcune aziende siderurgiche del Nord non saprebbero come andare avanti se non ci fosse la manodopera straniera. È vero o non è vero?
348.8901XXX

Io la metterei così: il problema dell’immigrazione clandestina esiste e va risolto secondo regole certe e condivise con l’Europa. L’Italia non può accogliere tutti a scatola chiusa solo perché la nostra posizione geografica ci mette in prima linea rispetto agli sbarchi. Altro capitolo è l’occupazione, ma anche qui una cosa va detta: chi è che dà lavoro agli immigrati preferendoli agli italiani?
Roberto M. - Per e-mail da Viterbo

Vedo tanti stranieri che svolgono lavori che potrebbero fare gli italiani.
366.5185XXX

Sono convinto che gli immigrati un po’ di lavoro lo tolgono agli italiani. Ma si tratta di lavori che gli italiani non vogliono più fare.
339.6933XXX

Né buonisti né cattivisti ma regole certe alle quali attenersi. Gli immigrati che lavorano in nero sono sfruttati così come gli italiani che lavorano in nero. Ma chi è che li utilizza al di fuori delle norme sia gli uni che gli altri?
338.4538XXX

Tanti immigrati a disposizione pesano sul mercato de lavoro, nel senso che i datori possono più agevolmente dettare le regole: o così o arrivederci. Servirebbero più controlli a tutti i livelli per impedire abusi e sfruttamenti.
G. S. - Per telefono da Firenze

Se servono immigrati allora le aziende ne facciano regolare richiesta in modo che si possa sapere chi entra in Italia e perché. Mi pare che in parte ciò venga fatto ma poi la confusione regna sovrana. A tutto svantaggio degli italiani che hanno bisogno di lavorare.
Rossella Chimenti - Per e-mail da Roma

Ci sono i contratti regolari e c’è chi preferisce la manodopera cosiddetta “invisibile”, cioè al di fuori di ogni regola. È qui che spesso ci si rivolge agli immigrati che per lavorare si accontentano di paghe più basse. Un sistema che taglia fuori gli italiani dal mondo dell’occupazione.
Franco Di Loreto - Per e-mail da Roma

Sì, gli immigrati il lavoro lo tolgono agli italiani.
335.6931XXX

È una guerra tra poveri dove si lotta per i pochi posti disponibili. Altrimenti gli immigrati potrebbero essere una risorsa.
348.4195XXX

Quanti i giovani italiani sarebbero disposti a lavorare con gli animali nelle stalle? Forse ce ne sarebbero ma sono convinto che bisognerebbe andare a cercarli con il lanternino. In Emilia Romagna e in Piemonte, regioni che conosco bene, se non ci fossero gli immigrati tante imprese rischierebbero di chiudere.
Simone Manni - Per e-mail da Roma

Letto 146 volte

Articoli correlati (da tag)