Giovedì, 15 Novembre 2018

Il Sondaggione. Ci conviene uscire dall’Europa? Da soli sarebbe tutto più difficile. Ma l’Unione ha esaurito la spinta e occorre migliorarla.

Queste sono alcune delle risposte inviate dai lettori (e-mail, Sms, WhatsApp e telefono) in merito al Sondaggione: “Che cosa fare prima: il reddito di cittadinanza oppure la Flat Tax? a) Reddito di cittadinanza; b) Flat Tax; c) Tutte subito” (per vedere i risultati clicca qui).

Attualmente, sullo stesso sito (www.lavorofacile.info) è in corso un altro Sondaggione sul tema: “Tutte le grandi opere (compresa la Tav) devono essere fatte? a) Sì; b) No”. Per rispondere c'è tempo fino al 28 novembre. I risultati con i messaggi più interessanti saranno pubblicati sul numero del 14 dicembre.
Questa formula di indagine, che non si basa su un campione scelto ad hoc, vuole soltanto raccogliere le opinioni di chi, comunque, sente il bisogno di partecipare al dibattito sui temi relativi al lavoro proposti dall’attualità.

No, ma il governo dovrebbe tutelare di più gli interessi degli italiani.
340.5043XXX

Non c’è una visione comune sull’economia. Ho l’impressione che, finora, i Paesi più forti siano riusciti a imporre la loro linea. Questo non va bene e occorre metterci riparo.
320.8431XXX

Ho una certa età e quest’Europa senza più confini continua a piacermi. Certo, ci sono cose da migliorare ma sono convinto che tornare indietro sarebbe un errore.
339.7436XXX

Non capisco come uscendo dall’Europa i posti di lavoro possano aumentare.
366.1843XXX

Il dibattito pro o contro l’Europa è tutto ideologico. Per esempio, chi non è favorevole che cosa propone come alternativa? Non si capisce.
335.6428XXX

Ammettiamo che l’Italia se ne esca dall’Europa. Poi, soli soletti, dove andiamo a parare? In un mercato sempre più globalizzato, per noi sarebbero guai seri.
335.7329XXX

L’Europa l’abbiamo provata e non mi pare che i risultati siano granché. Se ce ne usciamo potrebbe andare meglio. Proviamoci.
348.4316XXX

Per me l’Europa è un cappio dl collo. Abbiamo perso la possibilità di decidere un autonomia del nostro destino, e questo non mi va bene.
339.7592XXX

L’idea di Europa di Altiero Spinelli era ben altra: tutti uniti per evitare nuove guerre e promuovere una maggiore giustizia sociale. In effetti, guerre non ce ne sono più state, almeno quelle combattute con le armi, ma in quanto a giustizia sociale è meglio lasciare perdere.
Marco Landolfi - Per e-mail da Roma

L’Europa può rilanciare l’economia e creare più occupazione. Ma occorre mettere d’accordo i diversi Paesi che formano l’Unione. Insomma, ci vuole una strategia che guardi con più attenzione verso chi ha più problemi dentro casa e ha bisogno di aiuto per risolverli.
Laura Finardi - Per e-mail da Roma

Se usciamo dall’Europa che cosa facciamo? Ci chiudiamo dentro i nostri confini e proviamo a tirare avanti contando solo sulle nostre forze? È vero che gli italiani sanno dare il meglio quando si trovano con le spalle al muro, ma non esageriamo…
Giulio M. – Per e-mail da Viterbo

Il sogno di un’Europa davvero unita è ancora lontano dal realizzarsi. Ma si deve insistere, aggiustando quello che finora non ha funzionato. Ritornare alle nazioni in ordine sparso sarebbe un salto nel buio.
340.5288XXX

Purtroppo si è perso il senso della storia. Com’eravamo non se lo ricorda più nessuno. Usciti dall’ultimo conflitto mondiale eravamo un Paese in ginocchio. Poi piano piano ce l’abbiamo fatta a diventare una delle maggiore potenze industriali del mondo. Buttare il bambino con l’acqua sporca non serve a nessuno. Correggere sì, azzerare tutto no.
Stefano Mauri - Per e-mail da Roma

Un vecchio slogan pubblicitario diceva: “Provare per credere”. Bene. Proviamo a uscire dall’Europa e vediamo che cosa succede. Tanto peggio di così…
338.8659XXX

Il lavoro si crea con un’economia che cresce. E per crescere l’economia non può non giocare a tutto campo sui mercati mondiali. Se usciamo dall’Europa siamo sicuri che poi da soli ce la facciamo a prevalere su chi oggi è già più forte di noi?
Pino Carli - Per e-mail da Firenze

Quest’Europa che ci dà ordini non mi piace. O c’è una svolta oppure è meglio tirarsi fuori.
339.1429XXX

Quanto conta oggi l’Italia in Europa? Non quanto dovrebbe e potrebbe. Di chi la responsabilità? Di chi ha guidato il Paese negli anni passati. Adesso, con il debito che abbiamo sul groppone, siamo messi davvero male e per provare a farci sentire non abbiamo che un’arma: minacciare di uscire dall’Unione mettendo così tutti in forte difficoltà. Ma è un’arma che va usata con grande abilità. Perché se ci dovessero rispondere: “Okay, allora addio”, poi dove andiamo a sbattere la testa?
Alberto S. - Per e-mail da Roma

Se chi deve decidere se restare o uscire dall’Europa sa che cosa significa scegliere l’una o l’altra opzione, allora che ce lo faccia sapere. Così si può discutere nel merito e non del sesso degli angeli.
Simone Rivalta - Per e-mail da Roma

Se l’Europa ci dà una mano l’economia può riprendere a tirare e, di conseguenza, ne trarrà beneficio anche l’occupazione. Fuori dall’Europa non c’è futuro, ma l’Unione va migliorata.
392.3641XXX





















Letto 125 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Novembre 2018 18:24

Articoli correlati (da tag)