Lunedì, 13 Luglio 2020

1.961 all’Inps: il bando è pronto. Servono consulenti, informatici, medici e avvocati

Chi aspira a lavorare per conto di una istituzione statale farà bene a tenere gli occhi puntati sull’INPS che, da un momento all’altro, e comunque entro l’estate, pubblicherà un bando per la ricerca di circa 2.000 figure professionali da assumere a tempo indeterminato.
L’Istituto nazionale di previdenza sociale sta svolgendo in questi mesi un superlavoro per rispondere alle richieste di cassintegrazione, reddito di cittadinanza, reddito di emergenza e per liquidare gli altri bonus decisi dal governo per mettere soldi nelle tasche degli italiani nell’ambito dei provvedimenti economici anti-Covid-19.
Ci sono stati problemi e ritardi che via via si sono ridotti ma non ancora risolti del tutto. Problemi legati anche a un organico sotto dimensionato che, nel corso degli anni, ha subito – come tutte le pubbliche amministrazioni – il sostanziale blocco del turn over.
All’inizio dell’anno è stato lo stesso presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, ad annunciare un piano di assunzioni, a cominciare da 2.000 nuovi ingressi necessari, tra l’altro, per fronteggiare le uscite legate a Quota 100. Successivamente, sempre attraverso concorso, dovrebbe toccare ad altre 3.500 persone per un totale di 5.500 rinforzi.
La diffusione del coronavirus ha rallentato i piani che solo adesso sono tornati in primo piano. Così il bando per trovare le prime 2.000 risorse (il numero esatto è 1.961) è ormai sulla rampa di lancio. La selezione riguarderà 1.379 consulenti e/o informatici, 40 medici e 15 avvocati per l’area legale. A questi vanno sommati 527 posti riservati alla progressione verticale di chi è già alle dipendenze dell’Inps.
Requisiti principali: diploma o laurea, cittadinanza italiana o di uno dei Paesi membri dell’Unione europea o cittadini di Paesi Terzi titolari del permesso di soggiorno (con buona conoscenza dell’italiano), idoneità fisica alla mansione, godimento dei diritti politici, assenza di condanne penali che impediscano l’assunzione presso le pubbliche amministrazioni.
La domanda va inviata attraverso il sito: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3b0%3b46070%3b46106%3b&lastMenu=46106&iMenu=13&p4=2 utilizzando le credenziali Spid. Comunque, per i dettagli occorrerà leggere il testo integrale del bando dove saranno indicate anche le prove che dovranno sostenere i candidati.

Letto 1275 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Luglio 2020 07:41

Articoli correlati (da tag)