Martedì, 12 Marzo 2019

ACCORDO PER 3.000 NAVIGATOR. E L’ANPAL AVVIA LE SELEZIONI

Non saranno 6.000 bensì 3.000 ma l’accordo sui “navigator” tra Governo e Regioni è stato trovato e nella giornata di oggi, 12 marzo, il testo sarà votato e ratificato dalle due istituzioni.

Anpal Servizi, l’Ente chiamato a svolgere le selezioni, può adesso ufficializzare la ricerca e organizzare i test di prova a risposta multipla per i quali, in verità, nei giorni scorsi aveva già avviato le prime procedure.

Due anni la durata del primo contratto. I prescelti verranno assunti dalle Regioni come “assistenti tecnici”. Il contratto sarà a tempo determinato della durata di 2 anni. Al termine le stesse Regioni procederanno con i concorsi pubblici: ma a quel punto i “navigator” da trovare torneranno ad essere 6.000. Una corsia preferenziale sarà probabilmente riservata ai 3.000 che intanto avranno già svolto il servizio.
Abbastanza soddisfatte tutte le parti anche perché ci sarebbero risorse (circa 250 milioni di euro) da destinare alle Regioni che le utilizzeranno – come ha spiegato Claudio Di Berardino, vicecoordinatore degli assessori regionali al Lavoro – “per sviluppare le politiche attive e i servizi collegati al reddito di cittadinanza come, ad esempio, la formazione e la logistica, a partire dalle sedi dei Centri per l’impiego da ampliare e sistemare”.

Anche il vicepresidente della Conferenza Stato-Regioni, Giovanni Toti, ha parlato di “soluzione equa”.

I nodi che restano da sciogliere. Insomma, finalmente si parte ma restano ancora problemi da risolvere. Se, infatti, è stata fatta chiarezza sui “navigator” resta da capire come le Regioni risolveranno le altre 4.000 assunzioni destinate direttamente ai Centri per l’impiego in quanto il programma originario – come si ricorderà – prevedeva complessivamente 10.000 inserimenti (i 6.000 “navigator” più i 4.000 per i Cpi).

Resta pure il tema dell’operatività dei “navigator” che sono coloro che dovranno proporre ai beneficiari del reddito di cittadinanza 3 offerte di lavoro nel corso dei 18 mesi di durata del Rdc. In sostanza, dovranno essere prima preparati e messi nella condizione di svolgere un impegno che non è certo semplicissimo. In sostanza, visto che il primo versamento sulla card di chi ne avrà diritto, avverrà tra la fine di aprile e i primi 10 giorni di maggio, i “navigator” potranno efficacemente entrare in azione proprio a ridosso dell’estate quando di solito il mondo della produzione è meno attivo.

Per il reddito finora 141.109 domande. Finora, comunque, le domande per ottenere il reddito di cittadinanza sono arrivate a quota 141.109. In testa ci sono Campania (18.832) e Lombardia (18.616), quindi la Sicilia (15.994), il Lazio (13.367) e il Piemonte (13.056). Lo ha reso noto il ministero del Lavoro, sottolineando che dal 6 marzo 120.036 domande sono passate per gli uffici postali o i Caf e 21.073 sono state inviate online.

Letto 1194 volte

Articoli correlati (da tag)