Lunedì, 10 Giugno 2024

Novità personale Ata: così si entra in graduatoria. Domande entro il 28 giugno

C’è tempo fino al 28 giugno per presentare la domanda per l’inserimento/aggiornamento nelle graduatorie di terza fascia del personale Ata destinato agli istituti scolastici.
È da queste graduatorie che poi vengono scelte di volta in volta, secondo le necessità, le figure che andranno a ricoprire incarichi di supplenza a tempo determinato (sostituzione di personale assente per qualsiasi causa).

LE MANSIONI E I REQUISITI. Della terza fascia fanno parte: gli assistenti amministrativi (diploma di scuola secondaria di secondo grado), gli assistenti tecnici (diploma di scuola secondaria di secondo grado con relativa specializzazione), i cuochi (diploma di scuola secondaria di secondo grado con qualifica di tecnico dei servizi di ristorazione/cucina), gli infermieri (laurea in scienze infermieristiche o titolo equipollente), i guardarobieri (qualifica professionale di operatore di moda o diploma di scuola secondaria di secondo grado), gli operatori dei servizi agrari (qualifica professionale di operatore agrituristico, operatore agro-industriale, operatore agro-ambientale o operatore agro-alimentare), gli operatori scolastici (qualifica professionale) e i collaboratori scolastici (diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia o diploma di maturità).

LE CONOSCENZE INFORMATICHE. A tutti è richiestala certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale. Chi ne è sprovvisto potrà acquisirla e presentarla entro il 30 aprile 2025. Decorso tale termine, gli aspiranti decadono dalle graduatorie. Nel frattempo, comunque, se chiamati, si potrà svolgere la supplenza ma importante è rispettare la scadenza indicata.

QUELLO CHE C’È DA SAPERE. Per conoscere il dettaglio dei requisiti e tutte le modalità per la presentazione della domanda per il triennio 2024-2027 clicca qui.
All’atto della presentazione della domanda si può indicare la preferenza sino a 30 istituzioni scolastiche nella medesima provincia. Una di queste, però, dovrà essere la scuola di prima scelta.

Letto 436 volte Ultima modifica il Lunedì, 10 Giugno 2024 11:55

Articoli correlati (da tag)